recupero energetico

Come già spiegato nei capitoli precedenti, effettuare un ricambio d'aria significa estrarre aria esausta e contemporaneamente immettere aria nuova.
Estrarre aria da un locale ed espellerla all'esterno, significa non solo estrarre le impurità, ma anche estrarne il calore presente per buttarlo fuori e perderlo definitivamente.
Quindi oggi più che mai è necessario evitare questo spreco utilizzando sistemi che permettono di espellere l'aria viziata, recuperando il calore che essa contiene.
Il calore recuperato viene di norma ceduto all'aria nuova che viene immessa nel locale.
I sistemi di recupero di calore sono disponibili in diverse tipologie ed offrono efficienze che vanno dal 50 al 90%.

Esempio di recupero del 50%:
  • Temperatura aria del Locale 20 °C
  • Temperatura aria Esterna – 5 °C
  • Temperatura aria immessa 7,5°C

Nel caso sopra indicato utilizzando l'aria estratta dal locale ad una temperatura di 20 °C, l'aria di rinnovo, grazie al recupero di calore entrerà ad un temperatura di 7,5 °C anzichè – 5°C.